ANIMATION WORLD MAGAZINE - ISSUE 3.9 - December 1998


American Magus - Harry Smith - Alchimista d'Avanguardia

rassegna dil libro per Giannalberto Bendazzi

E'un dovere, oltre che un piacere, segnalare questo eccellente libro pubblicato da una piccola casa editrice penalizzata da una distribuzione assai limitata. Harry Smith (1923-1991) e stato una delle figure piu nascoste ed enigmatiche di tuta la storia dell'animazione d'autore e d'avanguardia. Le sue interviste sono state rarissime, e il suo universo interiore era cosi estrano al mondo della razionalita e della quotidianita da rendere il dialogo con il prossimo quasi sempre impossibile. Eppure il suo genio e stato fra i piu alti che si siano mai manifestati nel nostro settore: basta ricordare il lungometraggio non-oggettivo Cielo ed Terra Magica (Heaven and Earth Magic, 1950-1960), pur nella versione non definitiva in circolazione, per avere la misura della sua potenza poetica.

Qualche riferimento sull'Uomo
Smith fu una personalita straordinariamente intricata, contraddittoria e dedita a discipline diverse. Fu pittore, cineasta, antropologo, etnomusicologo, occultista, alchimista, collezionista di oggetti inconsueti. Raccolse quasi 30.000 uova di Pasqua ucraine dipinte, scrivendo note a proposito di agnuna di esse; riempi 12 scatolini di aeroplanini di carta, che alla fine dono allo Smithsonian Air and Space Museum di Washington; studio la lingua, i costumi, i riti degli indiani d'America e dono a un museo etnografico svedese la sua raccolta di oggetti da loro prodotti; nel 1952 pubblico presso la Folkway Records una Anthology of American Folk Music che era il risultato di anni di ricerche e che fu la base del boom della musica popolare statunitense degli anni Sessanta, influenzando anche autori como Bob Dylan.

A questi aspetti costruttivi fanno da contraltare gli aspeti distruttivi. Smith non si curo mai della sua persona e della sua salute, monto e rimonto ininterrottamente i suoi lavori cinematografici senza preoccuparsi di creare opere definitive ("I miei film vanno visti tutti insieme, o per nulla affatto," e una sua frase), distrusse deliberatamente un numero non piccolo di quadri e di pellicole, lascio che il suo patrimonio artistico venisse disperso o saccheggiato. Oggi Rani Singh, che fu sua assitente dal 1988 alla morte, guida gli Harry Smith Archives, con lo scopo di salvare il salvabile e di recuperare il recuperabile dell'opera di questo genuino (quanto probabilmente inconsapevole) surrealista americano.

Qualche riferimento sul libro
Il libro American Magus e un `work in progress.' La curatrice Paola Igliori, un' italiana di Roma divenuta newyorchese d'adorazione, studiosa d'arte e artista ella stessa, conosce Harry Smith negli ultimi anni Ottanta, riusci a raccoglierne alcune confidenze, fu al suo fianco al momento della morte, cerco di comprendere l'uomo e l'opera. Come scriver nella prefazione, "This book is only a scratching of the surface. It hopes to be direct simple traces of Harry, a live map of different points of entrance in the labyrinth. I hope it will be a pathfinder for other more in-depth works." [Think of the Self Speaking (Pensieri in alta voce): Interviste sellezionate di Harry Smith, un nuovo libro, publicato questo messe e venuto rasegnato in questo numero.]

Il libro e aperto da due saggi, uno di Bill Breeze, musicista, computer designer e scrittore, e uno di Rani Singh, di cui si e parlato poco sopra. Essi hanno la funzione di creare quel minimo d'ordine e d'informazione sul soggetto che sono necessari al lettore per proseguire fra disegni, fotografie, riproduzioni di manoscritti, interviste della curatrice ad amici e colleghi dell'artista, documenti di varia specie, finendo con una lista degli innumerevoli e caotici oggeti lasciati dal defunto.

Fra le interviste vanno segnalate quella con Jordan Belson, altro genio solitario e ritroso dell' animazione non-oggettiva, che rievoca il periodo della formazione sua e di Smith a Berkeley e San Francisco fra il 1946 e i primi anni Cinquanta; quella con Jonas Mekas, guru del cinema d'avanguardia newyorchese, che gli fu vicino dai primi anni Sessanta in poi; quella con Rosebud, che fu la "moglie spirituale" di un uomo che si mostro sempre poco propenso al sesso; quella con il poeta Allen Ginsberg.

C'e da credere che nel futuro prossimo gli eruditi riuscianno, lentamente e metodicamente, a mettere ordine, date, numeri di classificazione ai resti dell'opera di Harry Smith, e probabilmente a recuperare almeno parte del materiale perduto. Sara un bene. Ma certamente sara questo American Magus a conservare per noi, almeno in parte, l'anarchia, la vulcanica liberta, le folgorazioni di questo alieno dalla mente superiore che non contemplo mai la possibilita di seguire la corrente.

American Magus - Harry Smith - A Modern Alchemist, edited by Paola Igliori. New York, New York: Inanout Press, 1996. 286 pages. ISBN: 0-9625119-9-4 (U.S. $27.95 paperback). Questo libro e disponibile nell' AWN Magazzino.

Giannalberto Bendazzi e un storiatore e critico dei film a Milano. La sua storia dell'animazione, Cartonni: Cento anni di Cinema di Animazione, e stato publicano negli Stati Uniti per Indiana University Press ed negli Regni Uniti per John Libbey. I suoi altri libri sull'animazione includono:Topoline e poi (1978), Due voite l'oceana (1983) e Il movimento creato (1993, with Guido Michelone).


Nota: I lettori possono conttatare qualsiasi contributore di AnimationWorld Magazine nel seguente indirizio e-mail: editor@awn.com.


Table of Contents
Feedback?
Past Issues

About | Help | Home | info@awn.com | Mail | Register


Animation World Magazine | Animation World Store | The AWN Vault 
The AWN Gallery | Animation Village | Calendar of Events | Career Connections | Forums & Chats | Home

©1998 Animation World Network